Dune

Limbo
Dune

Da qualche giorno ho finito di leggere "Dune" di Frank Herbert.

Ho rimandato la scrittura di questa recensione perchè non avevo idea da dove cominciare... il libro presenta molti spunti, suggestioni e idee, e quando uno ne parla ha sempre l'impressione che sta trascurando qualcosa di importante!

"Dune" è un romanzo di fantascienza pubblicato nella prima metà degli anni Sessanta, che presenta alcune caratteristiche che ne hanno fatto subito un romanzo di culto, in modo simile a "Signore degli Anelli" di Tolkien.

Come l'opera monumentale di Tolkien, "Dune" è un capitolo di una saga che si sviluppa in un ciclo di romanzi (sei libri) ambientata in un mondo fantastico, come "Il Signore degli Anelli" lo scrittore ha inventato un mondo, o meglio, un universo, e ha dotato questo universo di una tecnologia, una cultura, una storia, una religione, una lingua, una economia e una politica coerenti tra loro.

In più Frank Herbert ha introdotto un'aggiunta, che insieme alla collocazione della narrazione in un lontano futuro dove la tecnologia è diversa, rende "Dune" un romanzo di fantascienza: l'ecologia.
I protagonisti di "Dune" sono sì, Paul e Jessica Atreides, ma anche il pianeta Arrakis, che è lo scenario dove si svolge la narrazione e i Fremen, il popolo che si è adattato a vivere questo mondo inospitale.

Arrakis è un pianeta arido, coperto da un immenso, sconfinato deserto, dove l'acqua è il bene più prezioso. Bastano poche ore perchè un uomo privo dell'equipaggiamento adeguato muoia per disidratazione in questo deserto. La forma di vita dominante di Arrakis è l'enorme Verme delle Sabbie, al cui ciclo vitale è legata la presenza di ossigeno e azoto nell'atmosfera e la totale assenza di acqua sulla superficie.
I Fremen sono un popolo che si è adattato a vivere questo deserto, sviluppando una tecnologia e una cultura volta a preservare il bene più prezioso di Arrakis: l'acqua.
Ma i Fremen non si limitano a "sopravvivere". È intero popolo impegnato a modificare l'ecologia del proprio pianeta, in nome di un sogno, trasformarlo in un paradiso, dove finalmente l'acqua scorra sulla superficie, e per raggiungere questo scopo sono disposti a spendere enormi energie e a lavorare per secoli.

Ma questo mondo inospitale è anche l'unica fonte della sostanza più preziosa nella Galassia: la Spezia. La Spezia è una potente droga, che assunta in piccole dosi può allungare di molto la vita degli uomini, mentre se assunta massicciamente può dare poteri di preveggenza a individui adeguatamente selezionati e addestrati.
Questo basta a farne la sostanza più preziosa e richiesta della Galassia, e a fare di Arrakis il punto nodale di tutti gli interessi di potere della Galassia.

Nello scenario del romanzo, senza la Spezia non sarebbero possibili i viaggi spaziali. Perchè? Perchè le distanze sono enormi, e per poterle coprire in tempi accettabili è necessario potersi muovere a velocità superiori a quella della luce. Ma se ci muoviamo più veloci della luce, noi ci avviciniamo agli oggetti più prima che la luce proveniente da questi oggetti ci raggiunga, e dunque siamo totalmente privi di qualsiasi forma di orientamento a meno che... a meno che non siamo in grado di vedere il futuro!
Ed è questo che fa la Spezia: fornisce ai Navigatori della Gilda Spaziale le doti di preveggenza necessarie per pilotare le navi spaziali tra un mondo e l'altro. Inoltre, la Gilda Spaziale ha il totale monopolio dei viaggi spaziali, di cui la gente normale non sa nulla, vedendo i viaggi spaziali come qualcosa di esoterico.

Poi c'è il Bene Gesserit, una "sorellanza", che addestra donne ad assumere il controllo del proprio corpo e mente, influenzando le scelte politiche e selezionando geneticamente persone allo scopo di produrre un individuo i cui poteri potessero varcare i limiti dello spazio e del tempo. Servendosi del potere di suggestione di cui sono dotate le adepte del Bene Gesserit influenza anche la religione dei mondi, al fine di agevolare la realizzazione del proprio progetto genetico-politico.

A questo aggiungete un Impero e una struttura politico-economica feudale, con grandi Case che si contendono il potere e dunque il controllo della Spezia, intrighi e vendette, e nonostante tutto ancora non avrete delineato interamente il mondo di "Dune". Quello di "Dune" è un mondo complesso, ricco, stimolante, suggestivo e potente, che sa coinvolgere il lettore che si lasci trasportare in esso.

Leggendo questo romanzo si trovano molti spunti e idee per pensare, riflettere o sognare.
Per esempio, non sono pochi i riferimenti che si possono fare tra la cultura e lo stile di vita dei Fremen e quello delle popolazioni dei deserti come il Sahara, ad esempio, popolazioni costrette dai rigori del proprio ambiente a osservare i più minimi segni e considerare gli effetti del più piccolo gesto, come versare inutilmente una goccia d'acqua o piantare piccole piante allo scopo di "ancorare" le dune (intenzionalmente, l'autore mette in bocca ai Fremen molte parole di origine araba o ebraica, per mostrare come anche la lingua è figlia dell'ambiente).
Certo, nel racconto alcune cose sono portate all'estremo, tanto che ad esempio i Fremen recuperano anche l'acqua dal corpo dei morti, disidratandone i cadaveri: ma tutto questo, nell'ecologia di Arrakis mostra come una cultura e l'ambiente in cui essa si sviluppa siano strettamente correlati: un insegnamento che spesso si perde di vista.

Concludendo, credo che per chi ha una mente curiosa e fantasiosa "Dune" può essere una fonte inesauribile di idee, riflessioni e soprattutto di piacere intellettuale.
Non per niente, "Dune" ha influenzato profondamente la fantascienza mondiale ispirando racconti, libri, film e videogiochi (chi ricorda il videogioco omonimo per Amiga?), e citando uno per tutti, è stato di ispirazione per la saga cinematografica "Guerre Stellari" di George Lucas.

Un'ultima cosa: non fatevi deludere dal finale, non aspettatevi un libro che finisca in modo "bello", "Dune" non è un libro concluso in sé stesso... come nella vita reale, la fine di una storia non è altro che l'inizio di un'altra storia. Perciò non stupitevi se arrivati alle ultime pagine vi viene una gran voglia di andare a leggere il seguito, "Messia di Dune"!

Per saperne di più, si può visitare wikipedia:
http://it.wikipedia.org/wiki/Dune_(romanzo)

Trackback URL for this post:

http://gerlos.altervista.org/trackback/165

commenti

ritratto di Loris Puddu

Dune , anche la versione Film non è male.

Quello che si nota subito è che i Malvagi " gli Arconnen " sono denominati con un nome che ricorda " gli Arconti delle Bibbie Apocrife " i quali, da angeli maledetti si ribellarono al bene supremo e fondarono l'universo spazio temporale della materia fisica e in questo si sovrapponereno al potere divino creando l'uomo ( la sua parte fisica) : nelle bibbie apocrife si dice che Jeova in realtà altro non fosse che un demone malvagio che si auto-copriva di luce divina e diede atto a queste malefatte... universali all'inizio dei tempi fisici.

Il resto richiama in modo molto forte il "petrolio" , cioè l'acqua della Vita (ambientata nel deserto) e la lotta dei popoli che vi vivono : dei quali ancora oggi vediamo (nella realtà quotidiana) il continuo crescere e moltiplicarsi di lotte - guerre - attentati .. ma dove questa figura dell'Eletto (Paul : il Predestinato ) che dovrebbe venire e far risorgere e vincere una umanità matura e completa nel suo coesistere nel mondo .. è ancora ( nella realtà ) ben lungi dall'apparire.

Ognuno poi può intravedere il ruolo dei popoli Nord africani - medio orientali ( iran - iraq - pakistan - ecc.. a seconda dei gusti e delle idee ) e forse anche i due poli della guerra fredda : RUSSIA e USA .. che ci girano intorno, ognuno assorbito dalle .. proprie mire geo-politiche e di sfruttamento di popoli - risorse - potere - materie prime.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Allowed HTML tags: <a> <em> <strong> <del> <cite> <code> <img> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <pre>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Insert Flickr images: [flickr-photo:id=230452326,size=s] or [flickr-photoset:id=72157594262419167,size=m].
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

CAPTCHA
Per provare che sei un visitatore umano, rispondi a questa domanda. È per evitare l'inserimento di messaggi spam.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image without spaces, also respect upper and lower case.