Compiz, Karamba e KDE

Informatica

Usando KDE e Superkaramba mentre Compiz è attivato si ottengono degli strani comportamenti: li avete notati? Il desktop della vostra linux box soffre di questi problemi?
Vi mostro la cura, e magari anche qualche dritta per far andare d'accordo Compiz e KDE.

Ecco i sintomi: a volte i temi (o widget) di Karamba, invece di stare sul desktop, coprono le finestre normali, oppure vengono minimizzati senza possibilità di recupero quando attiviamo la funzione "mostra desktop", oppure appaiono solo su uno dei nostri desktop virtuali, oppure ancora vengono disegnati con intorno un'ombra indesiderata.
Tutto questo accade perché Compiz non sa come trattare queste finestre "insolite".

La cura è facile. Mi raccomando, fate un backup delle vostre impostazioni attuali, giusto in caso voleste tornare indietro dopo aver fatto un pasticcio!

  1. Lanciate Compiz Config Settings Manager, aka ccsm.
  2. Attivate il plugin Windows Rules (Regole delle finestre)
  3. Nella pagine di configurazione di Windows Rules inserite la stringa:
    class=Superkaramba & type=dock & role=karamba*
    nei campi salta paginatore (skip pager), adesive (sticky) e finestre non minimizzabili (no minimize).

Le modifiche dovrebbero avere effetto immediato, ma in ogni caso vi consiglio di fare un logout/login, giusto per tranquillità. Per salvare e/o ripristinare un backup, cliccate su "preferenze" nella finestra principale, e poi usate i comandi "importa" ed "esporta".

Già che ci siete, potreste voler fare qualche modifica alla configurazione di Compiz, in modo da farlo integrare meglio con KDE.

Per esempio, per ri-abilitare l'associazione della scorciatoia da tastiera Alt-F2 all'apertura della finestra Esegui comando andate nella sezione General Options, cliccate sulla tab Commands e nella sezione Commands inserite nel campo Command line 0 questo:
dcop kdesktop KDesktopIface popupExecuteCommand
Compiz ci avviserà che quella combinazione di tasti è già assegnata, al comando equivalente di Gnome (che in KDE è inutilizzabile), e ci chiederà conferma se lo vogliamo ri-assegnare o no, e noi risponderemo affermativamente.

Un'altra cosa che potremmo voler fare è modificare il programma predefinito per gli screenshot. Nella stessa pagina del programma di configurazione, inserite ksnapshot in screenshot command line e ksnapshot --current in window screenshot command line.

Per rendere trasparenti le finestre di terminale di Konsole (e Compiz le può rendere veramente trasparenti), andate alla pagina General options sempre di ccsm, e nella scheda Opacity settings cliccate su new ed inserite in opacity windows:
class=Konsole
e regolate a piacere il valore di opacità desiderato sotto opacity window values. Io ho impostato il valore a 80.
Per rendere più leggibile il contenuto della finestra trasparente abilitate il plugin Blur windows ed inserite nel campo alpha blur windows:
class=Konsole
Se avete un computer veloce scegliete Gaussian come blur filter, ed impostate i valori di sfocatura a vostro piacimento regolando gli slider in basso. Per migliori performance scegliete invece il filtro 4xBilinear.

Compiz non è solo un "coso" che rende il vostro desktop bello e ricco di effetti speciali, ma può notevolmente aumentare l'usabilità del vostro ambiente di lavoro.

Personalmente per questo vi suggerisco di provare questi plugin:
Scale (scala finestre, possibilmente associato al movimento del mouse verso un angolo dello schermo), Proprietà aggiuntive di scala finestre (per vedere i titoli delle finestre dovrete abilitare anche il plugin text), Expo, Selettore area di lavoro, Raggruppa finestre, Resize window (impostando "rectangle" come Default resize mode) e Place (placement mode impostato su "smart").

Spero che vogliate disabilitare le finestre elastiche (wobbly windows), almeno quando non ci sono amici da impressionare nei dintorni...

Se volete il "cubo", attivate Desktop cube, rotate cube, cube reflection and deformation (ma per favore, non usate il desktop a cilindro o a sfera!), altrimenti una valida alternativa, altrettanto intuitiva ma meno impegnativa in termini ri risorse richieste (e anche meno spettacolare...), è il plugin Muraglia di desktop.

In entrambi i casi è molto utile (e bello) il plugin Expo, soprattutto se associato al movimento del mouse verso un angolo dello schermo).

Trackback URL for this post:

http://gerlos.altervista.org/trackback/390

commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Allowed HTML tags: <a> <em> <strong> <del> <cite> <code> <img> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <pre>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Insert Flickr images: [flickr-photo:id=230452326,size=s] or [flickr-photoset:id=72157594262419167,size=m].
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

CAPTCHA
Per provare che sei un visitatore umano, rispondi a questa domanda. È per evitare l'inserimento di messaggi spam.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image without spaces, also respect upper and lower case.